Dictionnaire portrait







  • 1a edizione distribuita nel 2001

L'origine del dizionario


Nel 1992, per la prima volta nella storia dell'arte francese, il governo ha deciso di agire nell'interesse delle professioni e dei mestieri d'arte e antichità che dovevano essere confrontati con la concorrenza europea.
Con decreto ministeriale del 2 dicembre 1992, il Governo mi ha affidato, in qualità di Funzionario dello Stato ed Esperto in Arte e Antichità, la pesante missione di "strutturare le professioni dell'Arte e delle Antichità" e ciò, dal 2 dicembre 1992 al 2 dicembre, 1995.
In questo anno 1992, l'Europa dell'Arte è invischiata nelle sue contraddizioni emergenti, in particolare è autorizzata la libera circolazione delle merci e delle persone, ma i confini dell'arte rimangono ermetici.
Sotheby's è persino obbligata a sporgere denuncia presso la Commissione Europea contro le autorità francesi che si rifiutano di venderla all'asta in Francia!
La Francia, bloccata nelle sue tradizioni, aveva impiegato troppo tempo per sviluppare strutture sociali e legali adeguate ai cambiamenti che avrebbero sconvolto il mercato dell'Arte e delle Antichità; soprattutto per banditori, esperti, galleristi, antiquari e questi nobili artisti e artigiani che restaurano quadri, mobili, ceramiche, arazzi ... orgoglio dell'arte francese ma che non possono trasmettere le loro conoscenze agli apprendisti: per colpa del CAP, l'apprendistato fa non esiste!
Durante questa missione ho deplorato questa ingiusta indifferenza di cui sono vittime tutti gli attori dell'Arte Contemporanea ogni volta che me ne è stata data l'opportunità, e questo a tutti i livelli dello Stato. Così mi sono impegnata con artisti, responsabili di associazioni, mostre e alcuni comuni, affinché un giorno portassero loro la mia esperienza acquisita durante questa missione di governo.
Dal 1 ° settembre 2000, liberato da ogni obbligo amministrativo, il primo passo di questo impegno è stata la produzione di questo dizionario di elenchi.
A tutti coloro a cui le parole "quotazione" e "mercato" infastidirebbero, infine, tutte quelle persone che si lamentano del fatto che "troppi acquirenti non vedono oltre la fine del loro portfolio e guardano la quotazione dell'artista prima del suo lavoro", Faccio notare che condivido la loro indignazione.
Ma è chiaro che la "quotazione" è il vero giudice di un mercato, e che il mercato dell'arte, come tutti gli altri, ha bisogno di trasparenza.

Christian SORRIANO

Il nuovo mercato dell'arte


Una rivoluzione sta scuotendo il mercato internazionale dell'arte. In Francia, le società commerciali francesi e straniere autorizzate a vendere opere d'arte, un'area che era stata il monopolio dei banditori dal 1556.
La pagina più lunga della storia del mercato dell'arte francese è quindi stata definitivamente voltata e l'azienda americana Sotheby's ha inaugurato questo nuovo mercato internazionale dell'arte, con le sue prime vendite a Parigi, il 29 e 30 novembre 2001.
Questa riforma obbliga i banditori a trasformarsi in società commerciali. E 'anche la fine di una deplorevole confusione che ha sempre "inquinato" il mercato degli artisti viventi, con il pretesto che la loro citazione si concretizzasse solo nel carattere cosiddetto "ufficiale" delle vendite fatte dai banditori.
La realtà di sempre è che la quotazione di un artista vivente non è stata stabilita né nelle vendite del passato dei banditori, né in quelle effettuate da quest'anno da società commerciali autorizzate, ma dalle vendite effettuate nelle gallerie, nei saloni o nelle botteghe degli artisti.
Le opere d'arte saranno quindi messe all'asta da società commerciali. Questa riforma rimedierà a un'ingiustizia e consoliderà il nostro approccio a vantaggio degli artisti contemporanei. Perché le vendite legalmente giustificate, all'ASSOCIAZIONE DI ARTISTI MODERNI e CONTEMPORANEI, da parte di artisti e galleristi appassionati di creazione e che si impegnano finanziariamente, sono indiscutibili quanto le aste condotte da società commerciali.
L'idea naturale di rendere finalmente giustizia agli artisti viventi, diffondendo il loro vero elenco, apre una nuova era per il mercato dell'arte contemporanea, perché l'eterna aporia dell'artista era: "Per vendere bisogna essere conosciuti", ed essere noto che devi vendere! Speriamo che sarà finalmente risolto.
Questo dizionario delle citazioni sarà ogni anno un riferimento essenziale e uno strumento di lavoro per artisti, galleristi, esperti, società commerciali autorizzate e tutti coloro che sono direttamente o indirettamente interessati al mercato dell'arte.

Christian SORRIANO

  • 2a edizione distribuita nel 2002

La quotazione


Intervista a Christian Sorriano "Rivista d'Arte e Antichità" - n ° 19 di luglio 2002

Christian Sorriano incaricato della missione dal governo francese ricevuto dal Sig. UEKI, Ministro della Cultura giapponese.


Il mercato dell'arte ha ancora un libro di citazioni?
Tutti possono scrivere un libro di valutazione. Basta iscriversi ai cataloghi d'asta e pubblicare i risultati. Ma se la quotazione degli artisti del passato dipende esclusivamente dalle aste, quella degli artisti del presente si stabilisce nelle gallerie, nei saloni, nei laboratori, nelle aste e anche su Internet.
Di conseguenza, i banditori e gli esperti dell'ASSOCIAZIONE, ricercando e diffondendo le vendite effettuate al di fuori delle aste pubbliche, offrono l'unico dizionario che fornisce la vera citazione degli artisti contemporanei.
Il mercato dell'arte ha sempre trascurato gli artisti viventi, soprattutto in un paese dove bisogna essere molto vecchi per avere talento, e morti per essere geniali!

Eppure la quotazione all'asta è radicata nella mente degli artisti e del pubblico?
Questa confusione ha sempre "inquinato" il mercato dell'arte contemporanea.
La realtà è che l'arte, come tutti gli altri mercati, è separata da tre paratie stagne:
nuovo, usato e antiquariato. Alcune persone preferiscono dormire in letti vecchi e mangiare da piatti usati, altri sono allergici al passato e vivono felici solo nel nuovo. Lo stesso vale per i dipinti e le opere d'arte.
La clientela delle gallerie non è quella delle aste.
Un gallerista degno di questo titolo cerca "sensazioni" negli studi di artisti e nei salotti contemporanei, mentre antiquari e rigattieri fanno il loro "mercato", nelle sale d'asta, nel disimballaggio di oggetti d'antiquariato e nelle case dei colleghi.
E un artista che vuole esporre, presenta le sue opere a un gallerista, e non ad un antiquario o ad un rigattiere!
Il risultato è una deplorevole confusione nel mercato dell'arte, e quindi un malinteso finanziario, per cercare nei risultati delle aste la quotazione di artisti contemporanei.
Anche se le compagnie straniere sono ora autorizzate a mettere all'asta sul territorio francese, un'area che era stata riservata ai banditori dal 1556, gli artisti contemporanei non sono e non saranno mai la "tazza di tè" di queste grandi case anglosassoni.

Come viene fatta la scelta degli artisti?
È materialmente impossibile conoscere tutti gli artisti la cui quotazione merita di essere divulgata. Speriamo, nel corso delle edizioni, di colmare questa lacuna.
La scelta degli artisti è indipendente dalla loro "notorietà", quindi per essere esaustivi e soddisfare tutte le tasche, possiamo trovare la citazione di Van Gogh, Monet, Rodin, Picasso e tutte le altre star del mercato dell'arte, ma anche quella degli artisti i cui prezzi di vendita sono superiori o inferiori a 1000 euro.
Inoltre, rifiutiamo ogni pubblicità, sia nel dizionario che sul sito web, perché tutti gli artisti che espongono meritano rispetto e pari opportunità.
Spetta al pubblico fare la propria scelta!

Come è nata questa iniziativa “originale”?
"Originale e rivoluzionario". Per diversi anni ho scritto una rubrica di arte e antiquariato su diversi giornali e in una rivista televisiva. Ho ricevuto una media di 250 lettere a settimana. A seguito di una richiesta di preventivo di un'opera contemporanea, ho naturalmente trasmesso i risultati dell'asta citati nei registri delle quotazioni, ma l'artista furioso mi ha inviato le fatture delle vendite che regolarmente faceva. È stato il clic.
Qualche anno dopo, quando il governo francese mi ha nominato incaricato della missione per strutturare le professioni d'arte e antiquariato, ho deplorato l'ingiusta indifferenza di cui sono vittime tutti gli attori dell'arte contemporanea. Questa missione ha quindi confermato il mio interesse per tutte queste persone "dimenticate" del mercato dell'arte, che però tracciano anche la loro strada e vi seminano del buon seme!

Un nuovo libro di quotazioni in un nuovo mercato dell'arte?
Dal luglio 2001, infatti, i banditori hanno perso il monopolio delle vendite volontarie, ei loro studi si sono trasformati in società commerciali. Questa legislazione rafforza il nostro sostegno a beneficio degli artisti contemporanei. Perché le vendite giustificate da artisti e galleristi che hanno una passione per la creazione e che si impegnano finanziariamente sono rispettabili quanto le vendite effettuate alle aste da società commerciali francesi o straniere!
In questo labirinto di arte contemporanea dove, come ovunque, il meglio può confrontarsi con il peggio e, di conseguenza, anche esasperato, abbiamo sviluppato un dizionario di rating e un sito web, dove nulla è stato lasciato al dilettantismo., Anche se il L'ASSOCIAZIONE è senza scopo di lucro, e che i banditori e gli esperti che la compongono sono tutti volontari.

Internet sta anche aprendo una nuova era per gli artisti?
In effetti, è una vetrina senza confini che si apre a tutti gli artisti, professionisti e amanti dell'arte, con una libertà di esporre e vendere di cui non sono ancora a conoscenza.
Mi auguro che "veri professionisti" dell'arte si interessino a questo meraviglioso strumento di comunicazione, e non lascino gli artisti dipendenti da siti gestiti in forma anonima da informatici attratti dal solo aspetto finanziario.

Christian SORRIANO

  • 3a edizione distribuita nel 2003

"In cima al sontuoso viale degli Champs-Élysées ..."


Due componenti principali determinano il mercato dell'arte: una relativa all'antiquariato e l'altra all'arte contemporanea.
Gli amanti dell'antiquariato sono frequentatori abituali di aste, fiere, negozi di antiquariato, negozi di seconda mano ...
Gli amanti dell'arte contemporanea frequentano gallerie, studi di artisti, saloni, fiere ...
Ciascuno dei suoi mercati ha i suoi professionisti, i suoi dilettanti, i suoi collezionisti, i suoi libri, le sue riviste e persino i suoi musei.
Ma se il mercato dell'arte ha libri di quotazione, le opere contemporanee vendute in gallerie, saloni o laboratori sono assenti, perché vengono trasmesse solo quelle messe all'asta.
Quindi, con l'idea naturale di riunire in un dizionario di citazioni, opere del passato e del presente, che sono state vendute e acquistate in aste, gallerie, saloni o laboratori, sono gli artisti viventi che finalmente emergeranno dal profondo e oscuro abisso di indifferenza deplorato dal luminoso Francis JOURDAIN: “In cima al sontuoso viale degli Champs-Élysées, sotto l'Arco di Trionfo ingigantito dal genio di Rude, giace il Milite Ignoto, cadavere oscuro, senza nome, senza famiglia, senza amici, senza amore, povero essere che, in agonia, non poteva ricordare il ricordo di una stretta di mano, di uno sguardo affettuoso, di un battito di cuore. E, pensando che anche l'Arte ha le sue bare anonime vicino alle quali nessuna torcia arde, che nessuna corona d'alloro copre e che la folla ignora, sei tu, artista sconosciuto caduto sulla tua strada, esausto e disperato, è a te che io dedico questo libro con la mia rispettosa pietà e la mia grande tenerezza ”Francis JOURDAIN (prefazione al Salon d'Automne del 1926)

Christian SORRIANO

  • 4a edizione distribuita nel 2004

La distribuzione di 10.500 foto in un libro, un'impresa e un record mondiale!


In questa società di consumo eccessivo, dove l'artista esiste solo attraverso un'ampia visione e distribuzione delle sue opere e della sua inserzione, il Dictionary of Artists 'Ratings, con una completa rielaborazione annuale delle sue inserzioni, vendite e foto, si identifica con il notizie del suo tempo.
L'altra impresa del Dizionario è quella di coprire l'intero mercato dell'arte, con la diffusione dei suoi 50.000 annunci e vendite. Infatti, se la quotazione degli artisti del passato dipende esclusivamente dalle aste, quella degli artisti del presente si stabilisce nelle Gallerie, nei Saloni e nelle Botteghe. Di conseguenza, questo Dizionario, ricercando e diffondendo le vendite effettuate al di fuori delle aste, è la prima opera nella storia dell'arte a dare il punteggio agli artisti contemporanei.
Questa voce falsa e incoerente che solo le aste fossero "ufficiali" ha sempre inquinato il mercato dell'arte contemporanea. Ha causato: confusione per il pubblico e uno specchio alle allodole per gli artisti. Infine, legalmente è finita dalla legge del luglio 2001, ma troppe persone ancora ignorano che i banditori non sono più funzionari ministeriali, che i loro studi si sono trasformati in società commerciali e che hanno perso il monopolio dei banditori. Faglielo sapere ora!
Se exploit e record sono fatti per essere battuti, desideriamo e abbiamo la grandissima ambizione di batterli dalla prossima edizione, sempre nello spirito del nostro motto: "Dire è buono ma dimostrarlo c 'è meglio! "

Christian SORRIANO

  • 5a edizione distribuita nel 2005

Una rivoluzione ha capovolto il mercato internazionale dell'arte!


In Francia, le società di vendita volontaria commerciale sono autorizzate a vendere all'asta, un'area che è stata il monopolio dei banditori dal 1556.
La pagina più lunga della storia del mercato dell'arte francese è stata definitivamente voltata nel 2001, con le prime vendite a Parigi dell'azienda americana Sotheby's.
Questa riforma costrinse i banditori a trasformarsi in società commerciali per vendite volontarie. Queste società sono persino autorizzate dalla legge del 10 luglio 2000 a vendere di comune accordo. Queste vendite sono concretizzate dagli stessi vincoli degli antiquari e dei rigattieri, ovvero l'obbligo di tenere aggiornato un libretto di polizia.
Questa è la fine di una sfortunata confusione che ha sempre "inquinato" il mercato degli artisti viventi, con il pretesto che la loro quotazione era solo materializzata dal carattere cosiddetto "ufficiale" delle vendite fatte dai banditori.
La realtà di sempre è che la quotazione di un artista vivente non è stata stabilita né nelle vendite del passato dei banditori, né in quelle effettuate per cinque anni da società commerciali di vendita volontaria, ma dalle vendite fatte nelle gallerie dei banditori. , saloni o studi di artisti.
L'idea molto naturale di rendere finalmente giustizia agli artisti viventi, diffondendo il loro vero elenco, apre una nuova era per il mercato dell'arte contemporanea, perché l'eterna aporia dell'artista era: "Per vendere devi essere conosciuto., Ed essere saputo che devi vendere! ”, speriamo finalmente si risolverà.
Fin dalla sua prima edizione, questo dizionario delle citazioni è stato un riferimento essenziale e strumento di lavoro, per artisti, galleristi, esperti, società di vendita volontaria e tutti coloro che sono direttamente o indirettamente interessati al mercato dell'arte.
A tutti coloro che sono imbarazzati dalle parole “quotazione” e “mercato”, infine, a tutte quelle persone che si lamentano del fatto che “troppi acquirenti non vedono oltre la fine del portafoglio e guardano la citazione dell'artista prima del suo lavoro”, io Faccio notare che condivido la loro indignazione.
Ma è chiaro che la "quotazione" è il vero giudice di un mercato, e che il mercato dell'arte, come tutti gli altri, ha bisogno di trasparenza.

Christian SORRIANO

  • 6a edizione pubblicata nel 2006

Dalla distribuzione della prima edizione del Dizionario delle citazioni e dall'apertura dei nostri due siti web, abbiamo continuato a ripetere che se la citazione di artisti del passato dipende esclusivamente dalle aste, quella degli artisti del presente si stabilisce in Gallerie, Saloni , Seminari e tra l'altro alle aste.
Di conseguenza, il Dizionario delle quotazioni, ricercando e diffondendo anche le vendite effettuate al di fuori delle aste, è diventato il riferimento e strumento di lavoro essenziale per artisti, galleristi, esperti e tutti coloro che sono interessati al mercato dell'arte vicino o lontano.
Quest'anno, oltre al rinnovo delle quotazioni e delle vendite, con la GUID'ART stiamo compiendo un nuovo importante passo nella costituzione di un nutrito gruppo di Arte e Antichità, concretizzato dalla revisione completa dell'opera: sia sul davanti il ​​"DIZIONARIO DELLA QUOTAZIONE" e sul retro la "GUID'ART".
La GUID'ART presenta per ogni artista, il suo biglietto da visita illustrato con due sue opere, e contiene un CD con la sua galleria espositiva e altre informazioni su di lui, che si possono trovare sui siti e sugli Artisti in elenco.
Grazie a questa innovazione, interessante tanto per gli artisti quanto per i professionisti e gli amanti dell'arte, abbiamo costruito con la GUID'ART uno spazio unico e dinamico, in modo che tutte le librerie distribuite da LAROUSSE diventino per i nostri artisti altrettante gallerie permanenti.
Entra nella GUID'ART e scopri la più grande galleria d'arte mai pubblicata in un libro e accessibile a tutto il pubblico. Ti dà l'opportunità di conoscere gli artisti, di apprezzarli, quindi di contattarli.
Scoprirai che l'Arte non è l'arroganza di mostrare prezzi esorbitanti su qualsiasi cosa, al solo scopo di interessare i media. Al contrario, è un piacere accessibile a tutte le tasche, e l'acquisizione di un'opera risulta essere un processo semplice, come dimostra la GUID'ART.

Buona visita!

Christian SORRIANO

  • 7a edizione rilasciata nel 2007

L'impresa del Dizionario delle quotazioni è quella di coprire l'intero mercato dell'Arte, con la diffusione della citazione di artisti del passato dipendente esclusivamente dalle aste, e quella degli artisti del presente insediati nelle gallerie, nei saloni o nelle loro botteghe.
Di conseguenza, questo Dizionario, ricercando e diffondendo le vendite effettuate al di fuori delle aste, è la prima opera nella storia dell'arte a dare, sin dalla sua prima edizione, la vera valutazione degli artisti contemporanei.
L'idea naturale di rendere giustizia agli artisti viventi, diffondendo il loro vero elenco, ha aperto una nuova era per il mercato dell'arte contemporanea.
Così, negli anni, il Dizionario delle quotazioni è diventato un riferimento e uno strumento di lavoro essenziale per artisti, galleristi, antiquari, esperti e tutti coloro che sono direttamente o indirettamente interessati al mercato.

Christian SORRIANO

La Guid'Art presenta ad ogni artista il suo biglietto da visita illustrato con due sue opere. Grazie a questa innovazione, tanto interessante per gli artisti quanto per i professionisti e gli amanti dell'arte, le librerie distribuite da LAROUSSE sono diventate, con Guid’Art, altrettante gallerie permanenti per i nostri artisti.
Questi artisti rappresentano le diverse tendenze nell'arte visiva oggi, con la sua vitalità e straordinaria diversità. Sono pittori, scultori, designer, incisori, fotografi ... la cui creazione artistica è la loro ragion d'essere.
Hanno dato un'anima e un soffio di vita a un'opera, affinché delizierà l'occhio e lo spirito delle persone che la appenderanno a un muro o la posizioneranno su un mobile nella loro vita quotidiana.
Non esitate a contattare direttamente i nostri artisti, scoprirete che l'Arte è un piacere accessibile a tutte le tasche, e l'acquisizione di un'opera risulta essere un processo molto semplice.

Christian SORRIANO

  • 8a edizione rilasciata nel 2008

Due componenti principali determinano il mercato dell'arte: una relativa all'antiquariato e l'altra all'arte contemporanea.
Gli amanti dell'antiquariato sono clienti abituali alle aste, alle fiere dell'antiquariato ...
Gli amanti dell'arte contemporanea frequentano gallerie, studi di artisti, saloni, fiere ...
Ognuno di questi mercati ha i suoi professionisti, dilettanti, collezionisti, libri, riviste e persino musei. Perché non c'è né segreto né mistero! Per far desiderare al pubblico di vivere con dipinti, sculture, disegni, incisioni, foto ... serve un'ampia distribuzione di opere d'arte.
Dalla distribuzione della prima edizione del Dizionario delle quotazioni e dall'apertura dei nostri due siti web, abbiamo più volte affermato che se la citazione di artisti del passato dipende esclusivamente dalle aste, quella degli artisti del presente si stabilisce nelle Gallerie, Saloni , Seminari e tra l'altro alle aste.
L'impresa di DIZIONARIO DI ELENCO DEI DES ARTISTES - Diffusione LAROUSSE, si identifica con le notizie del suo tempo coprendo l'intero mercato dell'arte.
Di conseguenza, con la diffusione anche delle vendite effettuate al di fuori delle aste, il Dizionario delle quotazioni è diventato il riferimento e strumento di lavoro essenziale per artisti, galleristi, esperti e tutti coloro che sono da vicino o da lontano interessati al mercato dell'Arte.
L'altro risultato per dieci anni sono stati gli spazi unici, solidi e dinamici dei nostri siti "DIZIONARIO DES ARTISTES COTES", "LES ARTISTES COTÉS" e "GUID'ARTS", che battono ogni giorno i record di visitatori e che sono il primo al mondo nella ricerca di "artisti quotati", "voti degli artisti" ... su Google e altri motori di ricerca.

Christian SORRIANO

  • 9a edizione distribuita nel 2009

Inaudito a Parigi


Per rispondere all'entusiasmo del pubblico, la mostra di Monet al Grand Palais si è conclusa con una maratona "non stop" di 4 giorni e 3 notti! Migliaia di persone si sono messe in fila imperterrite dalle ore di attesa nel freddo pungente di quelle notti invernali. La mostra ha accolto 910.000 visitatori dal 22 settembre 2010 al 24 gennaio 2011, un record!

Anche il mercato dell'arte sta stabilendo record d'asta, con massimi che non si vedevano da molto tempo. Nel novembre 2010, più di 1 miliardo di dollari di opere sono state scambiate presso le vendite di Christie's, Sotheby's e Phillips a New York. È la globalizzazione che sta facendo esplodere i prezzi, con la sua corsa ai record. Un nudo seduto di Modigliani 68,9 milioni di dollari, un nudo posteriore di Matisse 49 milioni di dollari, il "bacino delle ninfee" di Claude Monet è andato a 28 milioni di dollari, una tela cubista di Juan Gris, per 29 milioni di dollari; senza dimenticare gli artisti alla moda tra cui Basquiat, Koons, Murakami e Warhol che superarono i 50 milioni di dollari per il suo dipinto "Men in her Life" del 1962: tutti volano a un prezzo d'oro ...

La globalizzazione avvantaggia il mercato, è tornata la fiducia tra acquirenti e venditori. L'appetito degli acquirenti proviene da paesi emergenti come Cina, India e Russia, nonché da paesi più tradizionali in Europa e America. È un ritorno alla speculazione? I nuovi milionari hanno un vero desiderio di acquistare, ma non solo un'opera d'arte. Si affidano ai valori sicuri dei grandi nomi. Alla fine degli anni '70, i successi di Van Gogh e di altri geni avevano portato tutti gli altri artisti sulla loro scia, grandi e piccoli maestri, ce n'era per tutti i gusti e per tutte le tasche.

E gli artisti contemporanei in tutto questo? Quindi entra nel Dizionario delle quotazioni e vedrai che l'Arte non è solo prezzi esorbitanti, è anche un piacere accessibile che tutti possono immaginare. Potrai acquisire opere di artisti di talento, sul loro portale Internet accessibile direttamente o attraverso i siti "DICTIONNAIRE ARTISTES MODERNES et CONTEMPORAINS" (DCDAMEC), "Les Artistes Cotés" e "Guid'Arts".

Christian SORRIANO

  • 11a edizione rilasciata nel 2012

Più di due miliardi di utenti Internet, di cui 40 milioni in Francia, possono permettersi una biblioteca con un clic del mouse o creare una discografia o una filmografia in pochi minuti. Inoltre, non contenti di avere tutte le informazioni in tutti i campi, le creano sui social network, come Facebook, Twitter e MySpace, trasformandosi così in "webactors". Tutto sta andando veloce, troppo veloce! Il pianeta sembra restringersi; niente può resistere a Internet: lavoro, comunicazione, consumo, incontri, ambiente di vita. Stiamo assistendo a un cambiamento nella civiltà; i nostri parametri di riferimento ei nostri valori implodono davanti ai nostri occhi. In questa nuova civiltà, come in tutte le civiltà da quando il mondo è diventato un mondo, il filo dell'Arte non si è interrotto. L'arte è sempre stata definita dal suo carattere immutabile di bellezza. Oggi deve essere uno shock per esistere. Assurdità! Non c'è peggior nemico dell'Arte della mancanza di distinzione tra Bello e Brutto. Ancora più subdolo è spacciare opere cosiddette "decorative" per opere artistiche. Il culmine del ridicolo è stato raggiunto in Inghilterra durante la mostra di un artista americano: presumibilmente per rappresentare i pericoli del pianeta, la sua borraccia di plastica posta su un piedistallo è stata venduta per 63.000 euro! Come riconosci il vero artista? Semplicemente se diventasse tutt'uno con il suo lavoro, e se da questo corpo a corpo fosse nato un soffio di vita; viceversa, se durante l '"esecuzione" era solo uno spettatore, è un impostore. L'arte non è l'arroganza di pubblicare prezzi esorbitanti su qualsiasi cosa al solo scopo di far parlare i media. L'arte deve essere un piacere accessibile a tutte le tasche; la sua acquisizione deve essere semplificata. Forti di queste convinzioni, abbiamo costruito spazi unici su Internet dove, da tredici anni, il pubblico può apprezzare le opere dei nostri artisti quotati, che scorrono più e più volte sulle home page dei nostri siti. Perché non c'è segreto o mistero; ci vuole un'ampia distribuzione di opere d'arte per mettere in mostra gli artisti e far desiderare al pubblico di acquisire le loro opere. Abbiamo anche redatto questo Dizionario delle citazioni, con la diffusione della citazione di artisti del passato dipendenti esclusivamente dalle aste, e quella degli artisti del presente insediati in gallerie, salotti e laboratori. Di conseguenza, è l'unico lavoro che dà la vera valutazione degli artisti contemporanei.
Christian SORRIANO

  • 12a edizione pubblicata nel 2013

Devi abituarti ...

Il mercato dell'arte, con le sue vendite insolenti che ricordano Euromillions, prende in giro le guerre e le crisi economiche. La vita è ingiusta, in ogni caso tutti sono ingiusti, bisogna purtroppo abituarsi; le opere d'arte sono diventate un grande rifugio. Inoltre, scommettere sulla bellezza è una scommessa più eccitante dell'investimento in pietra, oro o azioni. Quindi, speculare o sognare?

Dal giorno in cui l'uomo delle caverne ha sentito il bisogno di dipingere le pareti della sua grotta per abbellirla, l'Arte è ciò che l'umanità ha saputo lasciare in eredità alle generazioni future. L'arte, questo eterno teatro delle passioni umane, ha i suoi privilegiati, tra cui ricchi, esperti, commercianti e artisti. Ora possiamo aggiungere molte istituzioni con crediti curvy, come i fondi pensione americani e britannici.

L'anno 2012 è stato propizio per le aste, traboccante di record con somme stravaganti, che sono solo la punta dell'iceberg. In privato, i ricchi dilettanti e le istituzioni della vecchia Europa, dell'America o dei paesi emergenti combattono la maggior parte delle vendite dove Van Gogh, Monet, Picasso, Rodin, Klimt e altri grandi maestri non sono più gli "eroi". È semplicemente per la mancanza di capolavori ancora disponibili da questi geni che il mercato viene trascinato da un pastello di Munch, "Il grido", acquistato per 107 milioni di dollari, nuovo record mondiale. Al Munch Museum di Oslo, il dipinto a olio di questo disegno varrebbe quindi $ 500 milioni! Allo stesso modo, un dipinto minore e tardo di Picasso, il "Nudo sull'altopiano dello scultore" del 1932, è stato venduto per 82 milioni di euro, aumentando il prezzo di qualsiasi opera importante del pittore spagnolo a centinaia di milioni di euro! Non osiamo immaginare il prezzo di vendita di un'opera di Van Gogh che riappare sul mercato! Al piano inferiore, Warhol ha raggiunto $ 43 milioni, Jeff Koons $ 34 milioni, Jean-Michel Basquiat $ 26,4 milioni, Richard Dieberkorn $ 13,5 milioni e, Gerhard Richter a 81 anni, è il pittore che vive di più costoso. Il suo dipinto "Abstraktes Bild" venduto da Eric Clapton è stato venduto per 34 milioni di dollari lo scorso ottobre, dieci volte di più di quanto il leggendario chitarrista britannico avesse pagato nel 2001.

Il 2012 è stato anche un anno brillante per i musei: il Louvre ha accolto quasi 10 milioni di visitatori, un milione in più rispetto al 2011; anche il Centre Pompidou e il Musée d'Orsay hanno battuto il record di presenze. Esiste oggi un baluardo contro la crisi migliore dell'arte? E la cultura in tutte le sue forme non sarebbe il miglior rimedio per l'ambiente cupo? Meditare ...

Christian e Rémi SORRIANO

 

  • 13a edizione rilasciata nel 2014

Devi vivere con i tempi

Questa espressione è spesso usata per esprimere rassegnazione. Dobbiamo quindi accettare l'ovvio, accettare ciò che ci viene imposto, accettare i tempi in cui viviamo, senza esitazioni e senza sopracciglia. In breve, devi vivere nello spirito del tuo tempo. Il piccolo mondo dell'Arte Contemporanea non fa eccezione alla regola, con la sua “élite” politica e finanziaria, orgogliosa della sua identità e della sua superiorità. Per trent'anni ha imposto “identità culturale” e “eccezione culturale”. Questa élite nega agli artisti e alle loro opere di sostituirli con qualsiasi cosa, quasi nulla, sapendo scioccare!

Gli esempi sono numerosi poiché questa stravagante idea di snaturare il cortile del Palais Royal, capolavoro architettonico e storico luogo alto di Parigi, da una serie di colonne zebrate prodotte industrialmente e che vorremmo farci ritenere "scultoree" ! In questa visita, nel febbraio 2014, di una cosiddetta fiera d'arte contemporanea che è stata dolorosa vertigini. Le gallerie avevano il ridicolo di esporre un unico pezzo sul loro stand, tra cui una scopa in un secchio d'acqua, una finta palla di cartone blu, una pistola di plastica per bambini che girava su un treppiede e altri palloncini palloncini scoppiati su un pavimento dipinto di nero!

In conclusione: “Volendo vivere con i tempi, si muore con i tempi. »Stendhal

"Devi vivere con i tempi ..." implica anche che devi essere all'avanguardia del progresso, rinnovarti, agire e non solo rassegnarti. Questa è la nostra lotta da quindici anni, con in particolare la diffusione così naturale della vera citazione di artisti contemporanei, calcolata sulle vendite effettuate in gallerie, salotti o laboratori. Quest'anno stiamo aprendo una nuova era per il mercato dell'arte contemporanea, sorprenderemo e non solo i nostri artisti quotati ...

Christian e Rémi SORRIANO

  • 14a edizione rilasciata nel 2015

La preistoria inizia prima del 1993 ...

Il 16 settembre 2014 è stata superata la soglia del miliardo di siti web, per quasi tre miliardi di utenti Internet in 200 paesi. Possiamo comprendere meglio i sentimenti di questa intera generazione nata alla fine del XX secolo, per la quale la preistoria inizia prima del 1993, cioè prima di Internet.

Ne parliamo a malapena in Francia, ma questa rivoluzione digitale sta sconvolgendo il mercato globale dell'arte e dell'antiquariato. Con il numero di opere acquistate online in aumento del 36% tra il 2013 e il 2014. L'azienda americana Christie's è stata la prima a effettuare vendite online al 100%, come la collezione di gioielli Elisabeth Taylor. Il suo concorrente Sotheby's tiene con "Gli uccelli d'America" ​​di John Audubon messo all'asta per 3,5 milioni di dollari, il record per un'opera acquistata da un utente di Internet. Il potere del commercio elettronico è tale che Sotheby's ha appena unito le forze con Ebay: “Questa alleanza ci consente di compiere un importante passo avanti nello sviluppo delle aste online, con articoli eccezionali. Ha detto Devin Wenig, presidente di eBay.

E gli artisti contemporanei in tutto questo?

Dalla pubblicazione della prima edizione di questo Dizionario nel 2001, non abbiamo smesso di ripetere che siamo al 13 di rue Drouot, e che se l'artista contemporaneo fosse messo all'asta, non avremmo nemmeno la strada da attraversare per organizzare le vendite a l'Hôtel Drouot che si trova al n ° 11. Essendo il mercato delle aste un mercato dell'usato dove gli acquirenti sono rivenditori, principalmente antiquari e rigattieri, il grande pubblico e le opere di artisti contemporanei sono sempre stati esclusi.

Oggi, con l'emergere dell'e-commerce e della sua semplicità di acquisto, oltre alla diffusione di informazioni e foto in un click in tutti gli angoli del mondo, le sale d'asta sono diventate vetrine senza confini, passando da un pubblico d'élite a un un pubblico universale in crescita che acquista prodotti di fascia alta su Internet.

In questo nuovo mercato, gli artisti contemporanei non sono e non saranno mai la “tazza di tè” delle case d'asta anglosassoni e francesi, che li hanno sempre ignorati. Perché la gestione di artisti viventi è un'altra professione, con i suoi vincoli amministrativi e legali molto pesanti.

Ma gli artisti avranno finalmente il privilegio di vendere regolarmente e in modo trasparente le loro opere all'asta pubblica nella nostra nuova casa d'aste, che dovrebbe aprire nella primavera del 2015.

Christian e Rémi SORRIANO

  • 15a edizione rilasciata nel 2016

Esperto ed "esperto"?

Nel mercato dell'arte e dell'antiquariato, il dilettante di tutti i paesi che si è trasformato in pochi decenni in un investitore finanziario, è alla continua ricerca di garanzie, di cui l'attestato di perizia e la quotazione sono le chiavi. Senza queste chiavi, la porta della transazione è chiusa e il valore finanziario del lavoro appassisce. La vigilanza è quindi essenziale in termini di competenza, in questo mercato internazionale soggetto all'irrazionale e al comportamento umano che spesso va oltre la comprensione. È davvero sorprendente che qualsiasi dilettante si definisca un "esperto". Sono quasi 3.000 in Francia, antiquari, galleristi, critici d'arte, collezionisti, organizzatori di mostre e per rendere le cose un po 'più complicate, beneficiari di artisti defunti. Un altro fatto preoccupante, gli storici dell'arte ora stanno giocando esperti. Sanno tutto della vita di un artista ma raramente hanno avuto le sue opere nelle loro mani. L'apice del ridicolo è raggiunto dalle società d'aste che organizzano regolarmente nel loro paese "Expert Days" senza esperti!

Pertanto, questo mondo di competenze, così poco compreso dai laici, è frequentato da personaggi di tutti i ceti sociali, che non esitano a utilizzare metodi non ortodossi per estorcere denaro. Quindi come lo navighi? Come fai a sapere se l'esperto è un esperto? Se il certificato di perizia e l'offerta hanno un valore?

Semplicemente leggendo il biglietto da visita. Quando siamo malati, andiamo dal dottore in medicina e non dal veterinario! Inoltre, una persona che aggiunge al suo nome l'unica parola esperto, senza alcun titolo, è un esperto… ma in truffa! Proliferano come l'erba soprattutto su Internet.

Infine, gli unici titoli di esperto regolamentato sono periti giudiziari e periti doganali e periti, questi ultimi essendo gli unici concessi con decreto ministeriale.

Abbiamo tutti una o più specialità dell'antiquariato. Sorprendentemente, per decenni sono stato l'unico esperto regolamentato di arte contemporanea!

Infine, con decreto ministeriale del 6 gennaio 2015, è stato nominato presso la dogana un secondo esperto specializzato in antiquariato e arte contemporanea, Rémi Sorriano, mio ​​figlio e mio collaboratore dal 1997. Oggi siamo sette esperti presso dogana in antiquariato, due dei quali anche nell'arte contemporanea. Non posso più oppormi alla citazione di Paul Valery: "Un uomo solo è sempre in cattiva compagnia". Ma ahimè, la "cattiva compagnia" è ancora viva e continua a trarre profitto dall'ingenuità del pubblico.

Christian e Rémi SORRIANO

  • 16a edizione rilasciata nel 2017

Scena di vita ordinaria ...

Con lo sviluppo del Web e delle nuove tecnologie vengono create molte attività che poi prendono piede o evaporano. Il mercato dell'arte non è immune agli esperimenti di questi avventurieri giunti a minare le sue tradizioni ancestrali come quelle di banditore ed esperto. Si presentano sotto uno di questi titoli: "intermediario d'arte", "mercante d'arte", "distributore d'arte", "consulente d'arte", "consulente di direzione artistica" ... in email discutibili a sembra un inventario di un museo. È come se fossimo su un capolavoro mentre giravamo per la grotta di Ali Bob!

Ma mentre il presente è vertiginoso, il futuro è preoccupante per il mercato dell'arte, dove l'anonimato di venditori e acquirenti è sempre stata la regola. Perché la discrezione contribuisce al valore e alla rarità delle opere; in caso contrario, verrebbero "tostate" e diventerebbero invendibili.

Ogni mese c'è una valanga di opere che si accumulano nei nostri corrieri alla velocità con cui circolano e la cui autenticità è spesso difficile da accertare. Le ultime pervenute sono riproduzioni mediocri di sculture in bronzo di Edgar Degas come “La petite arabesque” a 40.000 €, ma in vendita a 1.720 € nei negozi del Louvre e su Internet, e di Rodin come “Le Penseur” a € 95.000, ma in vendita a 695 € nel negozio del Museo Rodin e su Internet o di un dipinto di Klimt con la sua storia, mostre, bibliografia, mentre l'originale ... è in un Museo da un secolo. Ci sono anche Van Gogh, Giacometti, Renoir, Monet, Matisse, Rothko… Attendiamo con curiosità le foto ei prezzi di vendita de “La Joconde”, “Rafeau de la Méduse” e “La Venus de Milo”.

E gli artisti contemporanei in tutto questo? Ne scoprirai alcuni nelle pagine. Sono pittori, designer, incisori, fotografi ... La creazione è la loro ragion d'essere. Hanno dato un'anima e una ventata di vita alle loro opere che puoi acquistare direttamente sui loro siti: dictionnairedesartistescotes.com, guidart.com o artistscotes.com. Scoprirai che l'arte è un piacere accessibile a tutte le tasche, e non solo prezzi esorbitanti su qualsiasi cosa.

Christian e Rémi SORRIANO

  • 17a edizione rilasciata nel 2018

Una volta ... due ... tre volte ... premiato!

Se non hai mai varcato le porte di una casa d'aste e non hai mai avuto la possibilità di partecipare agli incendi delle aste con il suo fascino teatrale e la sua dose di eccitazione, è troppo tardi!


La freddezza della rivoluzione di Internet ha soppiantato il calore delle tradizionali aste esaurite. Oggi, gli acquirenti si siedono comodamente ai loro computer, guardando e ascoltando i commenti dal vivo del banditore, come se fossero nella sala d'aste. Con il suo acquisto facile, con un clic e in tempo reale, le aste sono diventate una pratica standard per gli acquirenti di arte e antiquariato in tutti i paesi. Possiamo vederlo nelle nostre vendite con un aumento spettacolare dei lotti venduti su Internet. Erano il 55% nella nostra ultima vendita per il 40% di offerte telefoniche e il 5% per gli ordini di acquisto. Abbiamo spedito lotti in 17 paesi. Le aste su Internet stanno determinando profondi cambiamenti e fonti di opportunità inaspettate per acquirenti e venditori le cui opere sono distribuite in tutto il pianeta.

E gli artisti viventi in tutto questo?

La fusione tra Internet e le aste offre opportunità inaspettate per la vendita tradizionale di arte e oggetti d'antiquariato. Ma questa fusione è un'arma a doppio taglio, di cui gli artisti viventi sono le vittime. Le altre case d'asta obiettano giustamente che gli acquirenti hanno la possibilità di aggirarli contattando gli artisti direttamente via Internet, in modo da non pagare i costi di vendita. Sono così scomparsi i galleristi, per far posto ai commercianti "affittuari di muri". Gli acquirenti avevano contattato direttamente gli artisti, per evitare di pagare la quota dovuta ai galleristi.
Consapevoli di questa ingiusta esclusione dalle aste, abbiamo "rivoluzionato le aste degli artisti viventi", distribuendo il link al loro sito, sotto ogni loro opera. Dall'editto di Enrico II nel 1556 che creò gli uffici dei maestri banditori, questa è la prima volta che una casa d'aste fornisce agli acquirenti i dettagli di contatto per i venditori!
Gli artisti hanno così il privilegio di presentare le loro opere sui prestigiosi siti di Drouot e della casa d'aste di Losanna, alle stesse condizioni di tutte le opere messe in vendita presso l'hotel Drouot. Con la pubblicazione dell'elenco degli artisti viventi nel nostro Dizionario degli artisti quotati, queste aste aperte al mondo sono i nostri raggi di sole nell'acqua fredda dell'arte contemporanea. Il futuro è nostro.

Christian e Rémi SORRIANO

  • 18a edizione rilasciata nel 2019

Condanna definitiva delle banche dati online sul mercato dell'Arte

Dall'ultimo colpo di martello e dalla firma del verbale, abbiamo avuto un'emergenza, la cancellazione delle foto nei nostri cataloghi d'asta prima del loro recupero e diffusione su Internet. Questo per proteggere gli interessi di venditori e acquirenti. Perché un'opera "ridotta" (non venduta) all'asta è considerata "bruciata" dalla diffusione della sua foto. Allo stesso modo, quando un professionista acquistava un'opera per la quale era stato pubblicato il prezzo di vendita, aveva difficoltà a rivenderla.

La Corte di Cassazione chiude il dibattito

In data 31 gennaio 2018 la Corte di Cassazione ha confermato la sentenza della Corte d'Appello di Parigi del 30 settembre 2016, che per la prima volta ha riconosciuto la protezione dei cataloghi di vendita attraverso il diritto d'autore sulla base dell'articolo L. 112-3 dell'Intellectual Codice di proprietà, poiché i cataloghi hanno un'originalità nella loro composizione, nella realizzazione dei lotti e nella loro scrittura intrisa della personalità del loro autore.

La decisione resa dalla Corte di Cassazione chiude definitivamente il dibattito sulle fotografie che "possono costituire tante opere della mente, il cui utilizzo senza autorizzazione è necessariamente sanzionato per contraffazione".

La Corte europea lo conferma

Inoltre, la Corte Europea ha ricordato il 7 agosto 2018 che una fotografia rischia di essere protetta dal diritto d'autore purché si tratti di una creazione intellettuale dell'autore che riflette la personalità di quest'ultimo e si manifesta attraverso scelte libere e creative.

Le decisioni della Corte di Cassazione e della Corte Europea non hanno avuto molta risonanza, in quanto inaugurano una nuova era di libertà, per le aste e per il mercato dell'arte in generale.

Christian e Rémi SORRIANO

  • 19a edizione rilasciata nel 2020

DIO SALVI LA REGINA!

"Arte difficile di quella di un esperto di antichità

Le apparenze sono spesso molto ingannevoli perché gli “Assassini artistici” sono sempre più abili e le circostanze confuse.

Non appena ho ricevuto il catalogo per la vendita del 27 settembre 1989, organizzata da Christie's a Londra, mi sono affrettato a segnalare al mio collega inglese che c'erano diversi falsi in vendita. Una settimana dopo, mi ha inviato una lettera di due pagine in cui affermava:

"Grazie per la tua lettera. Concordiamo sui lotti 185, 186, 187 e 188, sono stati ritirati dalla vendita. Per quanto riguarda il lotto 195, mi piacerebbe ricevere eventuali prove in merito ai vostri commenti sull'autenticità della lampada.

Altre persone hanno espresso dubbi e vorremmo saperne di più per evitare errori in futuro. "

La lampada di Gallé aveva solo tre difetti: la firma, l'arredamento e la forma!

“Per quanto riguarda il lotto 211, il vaso Gallé, purtroppo non posso verificare perché è stato invenduto e ripreso dal suo proprietario. "

A Londra, la perizia viene quindi effettuata dopo la vendita!

“Il lotto 215 aveva un'eccellente provenienza. Non abbiamo dubbi sull'età di questo lotto.

Penso che il prezzo di vendita di 27.000 sterline dimostri che avevamo ragione. "

Morale per questo pacchetto: se vuoi sbarazzarti di una copia, dallo a un amico con un nome di particella e una spilla rossa.

“Apprezzo molto il tuo punto di vista. Come puoi capire, ci sono molti falsi. La maggior parte di questi vengono rifiutati, ma a volte alcuni possono sfuggirci. "

In conclusione, signori, inglesi, la vostra conoscenza ha un giorno i colori di Waterloo e il giorno dopo quelli di Austerlitz. "

(Articolo pubblicato su TV Hebdo, Le Provençal, Le Méridional e Var Matin, il 22 dicembre 1991)

Christian e Rémi SORRIANO

  • 20a edizione rilasciata nel 2021

IL MERCATO DELL'ARTE ...

La prima guerra mondiale, con i suoi 18 milioni di morti, ha segnato il tragico ingresso del mondo nel XX secolo. Non appena fu firmato l'armistizio, una pandemia chiamata influenza spagnola si diffuse in tutti i paesi dal 1918 al 1919, uccidendo quasi 100 milioni di persone, ovvero il 5% dell'umanità. Dopo queste due spaventose tragedie, ci fu un'intensa attività sociale, economica e culturale. Gli anni '20 saranno chiamati "The Roaring Twenties" per la sua esuberante ed euforica ondata culturale concepita come uno stile di vita. Questa è l'era dell'Art Déco, la fabbrica dei sogni di Hollywood, i transatlantici ei giorni di Coco Chanel, del jazz e del Surrealismo. I ruggenti anni Venti terminarono bruscamente con il crollo del mercato azionario del 1929 a New York. Oggi, immerso nel dramma del coronavirus con le sue incertezze e paure, il mondo si chiede: in che mondo vivremo?

… DOPO LA CRISI DELLA SALUTE DEL CORONAVIRUS

Tutto sta andando veloce, troppo veloce! Abbiamo perso i nostri riferimenti culturali con il disastro di teatri, cinema e musei spenti dal coronavirus. Anche agli attori del mercato dell'arte, innamorati dello splendore e della grandezza, è stato imposto un regime arido
come tutti, con il divieto di aste, mostre, fiere, gallerie e negozi di antiquariato. Ma da quando il mondo è diventato un mondo, il filo del mercato dell'arte non si è mai interrotto, nemmeno in tempo di guerra, pandemia o crisi economica. È in questo contesto che abbiamo organizzato, come la maggior parte dei nostri colleghi, aste trasmesse in diretta su Internet. L'asta è stata un successo, ma com'è stato strano vedere le aste divampare su computer e al telefono, poi aste davanti a un enorme e deserto atrio.


Quando questa crisi sanitaria sarà passata, la cultura e l'arte saranno la migliore medicina per costruire il mondo di domani, come durante "The Roaring Twenties"

Christian e Rémi SORRIANO